045. E’ tempo di falciare!

E' tempo di falciare!

“E’ tempo di falciare”
Autore: Viktor Nikolaevich Deni – U.R.S.S., 1920

Nel 1919 ebbe inizio un conflitto fra la Polonia e l’Unione Sovietica, per il controllo di un’area grossomodo corrispondente all’odierna Ucraina. La propaganda sovietica si attestò su una tecnica ben collaudata, dipingendo i capi di stato polacchi come nemici della rivoluzione; anche la controffensiva polacca seguì una linea classica, descrivendo l’offensiva sovietica ad una sanguinaria invasione.

In questo manifesto sovietico si può osservare un contadino russo che con la falce recide la testa di due nemici. Quello a sinistra è la caricatura del presidente polacco Józef Piłsudski, mentre l’altro è Pëtr Nikolaevič Vrangel’, ex ufficiale russo che dopo la rivoluzione cercò di contrastare l’Armata Rossa. Continua a leggere

Annunci

036. La piovra russa

2900563424.2

“Tutti i paesi d’Europa hanno sconfitto il comunismo. Soltanto la Francia è ancora minacciata” Autore: Yo. Mich. – Francia, 1936

La vocazione internazionalista del comunismo viene reinterpretata come l’insidiosa stretta dei tentacoli di una piovra rossa. La forma allungata dei tentacoli ed il loro incedere strisciante e sinuoso li rendono molto affini al simbolismo del serpente. Sia il tentacolo che il serpente avanzano in modo subdolo, senza un confronto diretto, aggirando il conflitto mentre si rafforzano fintanto che riescono a prendere il sopravvento. Allora l’inganno diverrà palese: soffocamento in un caso, veleno nell’altro. Continua a leggere

032. Lupi bolscevichi

Lupo comunista

“Mai! Perchè la battaglia della Germania ed il vostro lavoro stanno salvando l’Europa dal bolscevismo!”
Germania (indirizzato alla Bielorussia) – ca. 1936

Per arginare la rivoluzione russa, che nei tempi di instabilità a cavallo fra le due guerre minacciava di espandersi come un contagio, la Germania nazional-socialista mise in atto diverse azioni di propaganda nei paesi limitrofi all’Unione Sovietica, premurandosi di tradurre gli slogan nelle lingue locali. Continua a leggere