047. Babbo Natale in guerra

santa

“Santa Claus è andato in guerra! – Il vostro regalo – Un’abbondanza di armi – La via interna per gli U.S.A.”
U.S.A., 1942

Il Natale è una festa che coinvolge l’intera famiglia, emozionando grandi e piccini. I suoi simboli sono conosciuti ed amati da chiunque: uno strumento di comunicazione eccezionale, che viene ampiamente sfruttato sia dalla pubblicità commerciale che dalla propaganda politica.

Babbo Natale si presta benissimo al ruolo: è una figura paterna, al tempo stesso bonaria – per i regali che dispensa – ed autoritaria, per il suo compito di stabilire la lista di buoni e cattivi.

Immagine da Life Magazine, 11 dicembre 1944
Immagine da Life Magazine, 11 dicembre 1944

I festeggiamenti Natalizi si svolgono all’insegna della generosità e della riunione familiare. Questi valori vengono perfettamente riutilizzati nella persuasione bellica, nonostante il Natale sia per sua natura un tempo di pace. Al contrario, la pace stessa diventa qui uno degli argomenti della propaganda di guerra.

U.S.A. 1944 - Autore: Lyman Simpson
U.S.A. 1944 – Autore: Lyman Simpson

Il senso di comunione familiare non riguarda soltanto la famiglia anagrafica, ma comprende tutto l’esercito, così che ogni combattente della nazione diventa un padre, riassunto nella figura di Babbo Natale.

U.S.A., 1942 - Autore: Sam Bennet
U.S.A., 1942 – Autore: Sam Bennet

L’infanzia offre un potente canale di informazione capace di penetrare con velocità ed intensità nelle famiglie. L’uso bellico del Natale si avvale anche di personaggi dei cartoni animati, come quelli disneyani:

U.S.A., American Woman Voluntary Services
U.S.A., American Women’s Voluntary Services

Anche il fumettista Dr. Seuss si rivolge direttamente ai bambini, e tramite loro all’intero nucleo familiare:

U.S.A., 1942 - Autore: Theodor Seuss Geisel
U.S.A., 1942 – Autore: Theodor Seuss Geisel

La slitta di Babbo Natale offre infine un altro spunto per la propaganda bellica, grazie alla sua affinità con l’aviazione. Ovviamente nelle immagini non vengono evidenziate le bombe o altri effetti devastanti della guerra aerea; dalla slitta di Babbo Natale cade invece un bombardamento “benefico”, usato per richiamare una volta di più la popolazione ad impegnare i propri risparmi per finanziare lo sforzo militare.

U.S.A., 1942
U.S.A., 1942

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...